Non credere di rimanere sempre lo stesso

Perché pian piano, giorno dopo giorno, anche io, cresco…

Lascia che cada. Lascia che strida. Tornerà a grondar sudore. Ora impara solo a incassare.

Sono fermamente convinto che delle volte la vita sia complicata. Altrettanto convinto che i problemi sono io a crearmeli: tutto in realtà si svolge in 2 dimensioni (spazio/tempo) ben definite e lineari e quando le cose filano lisce è molto più facile accorgersene e goderne. Sono questi momenti che si dimenticano più facilmente lasciando spazio a ricordi ben più cupi, grigi o dolorosi. Ma, come ripetuto altre volte, la consapevolezza cresce e insieme a quella punti di vista sino ad ora inesplorati. Molto bene. Fate anche bene a puntarmi il dito ma voglio solo cose facili e, semplicemente genuine…

voglio un inverno freddo, per ora mi spacco di wellness…

Annunci

cose a caso

domenica. quel giorno lì che, ultimamente, faccio un po’ fatica. oggi, seppur tutti i presupposti per l’affosso ci siano, è diverso. che poi motivi particolari non ce ne sono. non ho manco bevuto. eppure così è. non che il futuro, nè il presente, risulti roseo roseo ma, c’è un ma: la consapevolezza dei pois mi rende stranamente sereno. so che piangerò ancora, cristando o gioendo della vita. mi tirerò gran pacche sulle spalle e, a tratti, non mi piacerò. programmerò imprese stupefacendomi e mi crogiolerò nella più bieca apatia. ma sembra che alternative non ce ne siano, sicché… ne gioisco. colgo sempre più, anche perchè me lo dicono, la sensazione dell’irrefrenabile espandersi del mio ego-ismo/centrismo. “qualche” rischio c’è: me ne faccio una ragione. punto.

voglio un inverno freddo, per ora prendo la febbre…

OT: sarà sempre un caso MA mentre ascoltavo questa una cosa bella tanto oggi è successa e manco ancora lo sapevo: Benvenuta!!! 😀